Iturbe: «Roma mia, che rimpianti! Dopo quella notte a Torino ho tradito le tue attese»

22/01/2020 alle 08:28.
iturbe11

GASPORT - Il suo è stato l'ultimo gol della Roma all'Allianz Stadium: 5 ottobre 2014, con Garcia in panchina, i giallorossi persero 3-2 con la Juve in una partita contrassegnata da episodi dubbi e mille polemiche. Oggi Juan Manuel Iturbe torna a parlare. L'ex attaccante giallorosso, ora in Messico ai Pumas, ha rilasciato un'intervista al quotidiano sportivo. Questo un estratto:

Sa di essere stato l'ultimo romanista a segnare a Torino in casa bianconera?
«Me lo state dicendo voi. Mi ricordo che abbiamo fatto una bella gara e anche loro non hanno giocato male. Sapevamo che andavamo ad affrontare i campioni d’Italia, una squadra fortissima, noi invece eravamo un gruppo abbastanza nuovo e siamo andati a giocarcela. La Juve ha vinto alla fine, ma se ci fosse stato il Var…»

Oggi c’è Fonseca, lei ha avuto Spalletti e Garcia: che ricordi ha di loro?
«Garcia mi ha voluto a Roma, gliene sono grato. Spalletti ha un carattere forte (sorride, ndr), è stato uno dei migliori per me, lui ti insegna, si incazza se le cose non vanno bene, io lo vorrei tutta la vita uno del genere. Garcia è un po’ più tranquillo, diciamo così».

E di Sabatini, invece? Fu lui a strappario alla Juve, pochi mesi prima di quella partita. E quell’acquisto fu uno dei motivi dell’addio di Conte alla Juve.
«Sì, gli voglio molto bene, è stato il primo a chiamarmi per andare alla Roma e ha fatto tutto lui. Se ho giocato nella Roma è merito suo, mi ha voluto a tutti i costi e io non posso che ringraziarlo. Mi dispiace non essere riuscito a fare quello che si  aspettava da me».

Anche i tifosi si aspettavano tanto da lei.
«E a me dispiace che le cose non siano andate nel modo giusto. La Roma è ancora oggi per me una squadra unica, mi sono trovato bene, ero e sono innamorato della città, ma purtroppo non è andata. Sapevo cosa significa giocare nella Roma, c’erano tanti giocatori forti: per me è stato un onore»