x

Panucci: "Roma ridimensionata, ma ha giovani di talento. Fonseca l'uomo giusto"

07/04/2020 alle 09:52.
panucci

CORSPORT - Al quotidiano ha rilasciato una lunga intervista l'ex difensore giallorosso Christian Panucci. Uno stralcio delle sue dichiarazioni tra emergenza Coronavirus e un commento sulla Roma attuale e del passato:

[...]

Le società sono spaccate sulla eventualità di riprendere il campionato.
«Questo fa parte dell’Italia. Le società possono dire quello che vogliono, ma poi decide il governo. Far ricominciare l’attività senza avere il cento per cento della sicurezza diventa complicato. Capisco che ci sono tanti interessi, ma non si è capito che la ricchezza primaria è la vita».

[...]

Qual è la sua idea sulla ripresa?
«Non si può individuare una soluzione adesso. Si possono dare tutti i numeri che vogliamo, ma in questo momento chi mette davanti gli interessi all’unica ricchezza che è la vita e la salute sbaglia il focus. La vita è il più grande valore».

[...]

Che idea si è fatto su Fonseca?
«Mi piace per le idee, per come si pone, per il fatto che si è innamorato di Roma e non potrebbe essere il contrario. Gestisce bene la pressione, la squadra gioca bene anche se a volte è troppo fragile. Ha giovani di valore che devono crescere, credo che sia l’uomo giusto per fare un grande lavoro in prospettiva».

Lo scorso anno l’addio di e ha avuto ripercussioni forti sull’ambiente.
«Francesco aveva quasi 41 anni quando ha smesso di giocare. Quando uno fa la storia della Roma come lui non vorresti mai che smettesse. Credo che si debba sentire un privilegiato per essere stato protagonista fino a 40 anni, ma non era facile da gestire il suo addio. La cosa bella è che deve restare la sua storia nella Roma. Tutto il resto passa in secondo piano».

Se ne è andato perchè non è riuscito a fare il dirigente come avrebbe voluto.
«Non è facile passare dall’altra parte. Doveva fare un percorso di crescita graduale, ma forse si sentiva stretto e non si sentiva appagato e quindi ha preferito fare un passo indietro».

Anche ha lasciato la Roma quando avrebbe voluto continuare a giocare. Poi, lo ha fatto per un breve periodo nel Boca.
«Per Daniele è stato diverso, si pensava a un rinnovo che non c’è stato, si sono create situazioni che non erano chiare. E’ stato un grande calciatore, anche lui deve dire grazie alla Roma e la Roma deve ringraziare lui. Mi auguro che possa fare l’allenatore, ha carattere, l’ho visto crescere fino a diventare un leader».

La Roma ha vinto l’ultima volta nel 2008. Anche lei alzò quella Coppa Italia. La gestione americana in nove anni è ancora all’asciutto.
«E’ stato un periodo complicato, alla Roma si è tornati a vivere le inquietudini legate alla difficoltà di vincere qualcosa. Giorni fa ho rivisto in tv il derby vinto per 5-1 del 2002, mi venivano i brividi per i campioni che c’erano in campo, da una parte e dall’altra. C’è stato un ridimensionamento in questi ultimi anni, la società ha dovuto vendere i campioni per fare cassa e questo ha creato problemi. Anche se lo scorso anno ha raggiunto la semifinale di con e questo non va dimenticato. Ora, la Roma ha ragazzi di talento e mi auguro che possa tornare a vincere qualche trofeo».

Forse, quella Roma della quale ha fatto parte ha vinto poco.
«Quando sono arrivato, l’anno dopo lo scudetto, la squadra era molto più convinta e più forte di quella precedente. Avevamo avuto l’occasione di fare il bis, se avessimo vinto a Venezia era fatta e invece arrivammo secondi. Tutto il calcio italiano era di un livello superiore ad oggi, quella squadra adesso vincerebbe lo scudetto facile. Molti di quei giocatori poi sono andati via e hanno vinto da altre parti».

Anche con sfioraste lo scudetto.
«Per tanti anni arrivammo secondi, ma l’ era sempre lì. Erano più bravi ma noi abbiamo dato una grandissima immagine per il calcio che giocavamo. L’ finiva davanti perché aveva qualcosa in più di noi, quel gruppo poi vinse anche la ».

[...]